Parco naturale Alpi Marittime

Il Parco Naturale delle Alpi Marittime è attualmente l’area ambientale protetta più estesa del Piemonte e una tra le più vaste d’Italia e vanta un patrimonio ambientale unico, caratterizzato da numerose cime che superano i 3000 metri d’altezza, laghi, praterie e piccoli ghiacciai e un’abbondanza di specie endemiche tra la fauna e la flora alpine.

Dal 1987 ha stretto un gemellaggio strategico con il Parco Nazionale francese del Mercantour: i due parchi condividono una frontiera di oltre 30 chilometri e tutelano una superficie che supera i 100.000 ettari, un tempo riserva Reale di Caccia dei Re d’Italia. Nel 1993 è stato insignito del Diploma Europeo, una prestigiosa certificazione internazionale, per la qualità della salvaguardia e della tutela della biodiversità e del paesaggio che presentino evidenze culturali, estetiche e scientifiche.

L’area protetta italiana è ripartita tra le Valli Gesso, Stura e Vermenagna e vede un territorio profondamente modellato dall’antica azione dei ghiacciai; ricco di torrenti, cascate e laghi per via della scarsa permeabilità del substrato geologico. Su questo panorama spiccano i 3.297 metri del Monte Argentera, il tetto delle Alpi Marittime.

L’estrema varietà del clima è causata proprio dalla presenza contemporanea di rilievi che superano i 3.000 metri e dagli influssi della vicinanza con il mare. Il risultato è la presenza nel parco di un’enorme patrimonio floreale costituito da più di 2.600 specie diverse, molte delle quali sono catalogate presso il giardino botanico Valderia, alle Terme di Valdieri.

Tra la fauna si annovera una ricca presenza di mammiferi come marmotte, lepri, ermellini, faine e martore. Vi capiterà di imbattervi nei numerosissimi branchi di camosci ma si registra altresì la presenza di altri ungulati come stambecchi, caprioli, cinghiali e mufloni. Anche il lupo ha scelto di tornare tra queste montagne dopo una lunga assenza. Un momento di grande suggestione è legato al momento del volo dei gipeti, reintrodotti nell’arco alpino, e delle aquile reali.

I sentieri della riserva venatoria del re e le opere di fortificazione operate alla vigilia della II Guerra Mondiale hanno lasciato in eredità a queste montagne decine di chilometri di strade militari, mulattiere e vie che risalgono i valloni del Parco. Si tratta di opere a volte lastricate, sopraelevate o intagliate nella roccia, che oggi offrono numerosi percorsi escursionistici o siti d’arrampicata trad o sportiva.

Terme Reali di Valdieri

Nel cuore del Parco naturale Alpi Marittime, in Valle Gesso, circondate da faggi monumentali e alberi secolari, si trovano le Terme Reali di Valdieri che, situate a un’altitudine di 1.370 metri, sono il più alto stabilimento termale d’Italia.

Grazie all’esclusiva simbiosi tra l’efficacia della proposta terapeutica, i benefici di un microclima mitigato dalla prossimità con il mare e nell’abbraccio di una natura pura e incontaminata e di cornici paesaggistiche mozzafiato: prendersi cura di sé, del proprio benessere e salute.

Da sempre la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente sono al centro della politica gestionale di Terme Reali di Valdieri: da ciò è scaturito il desiderio di aderire all’associazione Ecoturismo in Marittime, volta alla promozione di un turismo rispettoso del territorio, della cultura e delle tradizioni delle comunità locali, in collaborazione con i diversi enti territoriali, tra cui lo stesso Parco naturale Alpi Marittime, nell’ambito della sottoscrizione della Carta Europea per il Turismo Sostenibile.

In linea con la scelta gestionale di un’offerta turistica green, le Terme Reali di Valdieri hanno scelto di candidarsi come caso pilota del progetto neZEH e l’Hotel Royal di Terme Reali di Valdieri è stato selezionato dai ricercatori del SiTI – Istituto Superiore sui Sistemi Territoriali per l’Innovazione, braccio operativo del Politecnico di Torino sostenuto dalla Compagnia di San Paolo –come regional leader dell’Italia per l’iniziativa e designato a caso pilota tra i 16 analizzati a livello europeo, grazie anche alla particolare sensibilità per le tematiche energetico-ambientali e allo spirito di collaborazione ed entusiasmo che animano la proprietà dell’Hotel e dello Stabilimento termale.