Massoterapia, Cinesiterapia, Idrochinesiterapia: metodiche complementari e di potenziamento dell’azione della terapia termale.
Tecniche riabilitative e preventive per lenire dolori muscolari e articolari, allentare tensioni e affaticamento muscolare, tonificare i tessuti e migliorare la circolazione sanguigna e linfatica.

L’azione combinata delle cure con quella delle metodiche termali complementari è la soluzione ideale per ottimizzare l’azione della terapia termale e ottenere un riscontro quanto più efficace e duraturo dal ciclo di cura.

Massoterapia

La massoterapia è un’antica forma terapeutica, una tecnica riabilitativa e preventiva che si fonda sull'applicazione di massaggi a nudo, un insieme di diverse manovre eseguite sul corpo per lenire dolori e attenuare tensioni di natura muscolare e articolare, migliorare la vascolarizzazione, aumentare l’elasticità cutanea e muscolare.

Sulla cute il massaggio produce una riduzione dello strato corneo,un miglior trofismo e una miglior elasticità, aumenta le funzioni specifiche (secrezione sebacea), facilita la penetrazione di sostanze, produce una vasodilatazione di tipo attivo, favorendo la circolazione sanguigna e linfatica.
La migliorata circolazione provoca una diminuzione della frequenza cardiaca e un abbassamento delle resistenze, sia dei grossi vasi, sia dei capillari. La massoterapia aumenta il trofismo muscolare e ne stimola il recupero del tono. Sul sistema nervoso agisce soprattutto a livello antalgico, sedativo del dolore, grazie all’effetto rilassante dovuto allo scorrere delle manovre in modo calmo e continuo.

Contatto, comunicazione sensoriale, scambio energetico attraverso una serie di manovre e passaggi che sono a fondamento del massaggio, ognuna con una specifica funzione.
Su di esse si fonda la massoterapia, un’antica forma olistica capace di suscitare un profondo rilassamento psicofisico con un conseguente effetto sedativo e antalgico nella sua funzione terapeutica di miglioramento della funzioni fisiologiche specifiche.

Chinesiterapia

La chinesiterapia ha come base particolari applicazioni del movimento a scopo terapeutico.
Questa tipologia di esercizio ginnico medico si basa su due fondamentali principi: la localizzazione del movimento a determinati distretti muscolari e il dosaggio dello sforzo richiesto da un determinato esercizio.

La chinesiterapia si prefigge di mobilizzare le articolazioni e le parti affette da deficit funzionali, di aumentare l’efficienza di alcuni muscoli per ottenere correzioni scheletriche o sostituire altri muscoli la cui funzione sia compromessa e di migliorare le condizioni del circolo venoso.
Si avvale di movimenti passivi e attivi: i primi, eseguiti dal malato assistito dal fisioterapista, trovano applicazione nelle affezioni articolari (reumatismo articolare acuto, reumatismi cronici), nelle paralisi periferiche, nelle affezioni muscolari, nelle affezioni cardiocircolatorie; i secondi, eseguiti dal malato con la contrazione volontaria dei muscoli, trovano applicazione nei reumatismi cronici per evitare atrofie muscolari e contrastare l’instaurarsi di deformazioni, nonché nella rieducazione di arti in seguito a paralisi.

Idrochinesiterapia

L'idrochinesiterapia rappresenta l’ottimale integrazione tra le proprietà fisiche dell'acqua e le proprietà terapeutiche del movimento.
L’acqua, determinando un alleggerimento del corpo immerso, favorisce in modo determinante l'esecuzione di esercizi di mobilizzazione attiva e passiva. L'acqua sostiene gran parte del peso del corpo favorendo l'esecuzione di movimenti con un corretto lavoro muscolare anche in condizioni di ridotto tono-trofismo e di difficoltà di carico. Per questo motivo un muscolo che ha forza ridotta e non consente un corretto lavoro può realizzare in acqua diversi movimenti. La riduzione del peso corporeo che si ottiene nel mezzo idrico permette inoltre di eliminare il dolore dovuto al carico e di iniziare precocemente la riabilitazione motoria.

Altrettanto importante è l'effetto analgesico del calore che, innalzando la soglia di sensibilità al dolore, determina anche un rilasciamento muscolare e una sedazione generale.

Un altro effetto è il manifestarsi di fenomeni sensoriali quali un miglior apprezzamento della posizione del proprio corpo e del senso di movimento dovuti alla percezione della pressione esercitata dall'acqua su tutto il corpo che si traduce in una sensazione di maggior sicurezza nell'esecuzione dei movimenti.
Il mezzo idrico, più denso rispetto all'aria, permette inoltre movimenti controllati ed eseguiti contro una leggera resistenza.

L'idrochinesiterapia è il trattamento ideale per chi soffra di deficit muscolari, per pazienti anziani, per pazienti affetti da artrosi o da patologie neurologiche e ha rapidi e positivi riscontri come terapie riabilitativa post-traumatica o post-chirurgica.